sabato 21.10.2017  21.34

DIRETTIVA MIFID SULLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO

Dal 1° novembre 2007 è in vigore la nuova disciplina sulla prestazione dei servizi di investimento (c.d. MiFID - Markets in Financial Instruments Directive). Tale disciplina definisce un quadro normativo di riferimento uguale per tutti i Paesi dell’Unione Europea e comporta alcuni cambiamenti nell’operatività e nella relazione Banca-Cliente.


Obiettivi

La direttiva MiFID si pone come principali obiettivi:

  • il rafforzamento del sistema di tutela degli investitori;
  • l’armonizzazione legislativa in tutta la comunità europea nella modalità di prestazione dei servizi di investimento;
  • l’innalzamento del livello di concorrenza tra gli operatori ed i mercati finanziari al fine di favorirne una maggiore efficienza e trasparenza.


Novità

In concreto la MiFID introduce significative novità miranti a rendere maggiormente trasparente la relazione con il cliente in modo da consentire l’effettuazione di scelte di investimento consapevoli e tra questi: l’introduzione di una nuova classificazione della clientela (Policy di classificazione) per assicurare che i servizi prestati siano consoni alle caratteristiche del cliente (Valutazione di adeguatezza e appropriatezza);l’adozione di una maggiore trasparenza informativa nelle fasi preliminari all’apertura del rapporto; ad esempio Vi è l’obbligo di fornire informazioni appropriate sull’impresa di investimento ed i  relativi servizi, sui prodotti/strumenti finanziari, sulle politiche assunte in materia di conflitti di interesse (Policy sui conflitti) sulla natura e dimensione delle commissioni e degli  incentivi, sui costi-oneri connessi; l’abolizione dell’obbligo di concentrazione degli scambi sui mercati regolamentati, l’introduzione di sistemi multilaterali di negoziazione e degli internalizzatori sistematici hanno reso necesaria l’attuazione di formali e dettagliate strategie di esecuzione volte ad assicurare il raggiungimento del miglior risultato possibile (“best execution”) nella trattazione degli ordini della propria clientela. A tal fine la Banca di Ripatransone mette a disposizione di ogni cliente;

Trasparenza Post Negoziazione

La Banca di Credito Cooperativo di Ripatransone - società cooperativa, ai sensi dell'art. 34 del regolamento adottato dalla Consob con Delibera n.16191/2007 pubblica nel collegamento sotto, le informazioni di trasparenza post-negoziazione relative alle operazioni su strumenti finanziari ammessi a negoziazione nei mercati regolamentati europei  e concluse al di fuori di un mercato regolamentato e di un MTF (c.d. O.T.C. - over the counter).

Education CONSOB

Guida "I Servizi di Investimento"

Guida "Impariamo ad Investire"


Altri Documenti

CESR: Direttiva Mifid - Guida per il Consumatore


Link d'interesse

Sito ufficiale della CONSOB

Sito ufficiale di Borsa Italia s.p.a.



© 2017 Banca di Ripatransone e del Fermano - Credito Cooperativo Sc - 63065 Ripatransone (AP)- Corso Vittorio Emanuele II, n. 45
Tel. 0735 9191 - Fax 0735 91920 - www.ripa.bcc.it - banca@ripa.bcc.it - PEC BANCA bcc.ripatransone@legalmail.it - PEC Uff. LEGALE legalebcc.ripatransone@legalmail.it
Capitale e Riserve 29.792.933,16 (dato provvisorio ex Banca di Ripatransone) - ABI 08769.2 - CAB 69690.6
Iscr. R.E.A. C.C.I.A.A. A.P. n. 6853 - C.F. , P.I. e Iscr. Reg. Imp. AP : 00096910443 - Iscr. Albo delle Banche n. 861.50 - Iscr. Albo Soc. Coop. n. A 155893
Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia (art. 62, comma 1, decreto legislativo 23 luglio 1996, n. 415)
Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo ed al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti - web by dagomedia